CheGusto! Il mondo delle produzioni agroalimentari della Sardegna si incontra a Sassari

Prima edizione di "CheGusto produrre bontà e mangiar bene con il punto esclamativo!"

Aziende agroalimentari, produttori di cibo professionisti, gourmet, foodlovers, giornalisti, enogastronomi, cuochi amatoriali, foodblogger e tanti curiosi il 15, 16 e 17 marzo 2019 si sono ritrovati a Sassari, nei locali di Promocamera – azienda speciale della Camera di Commercio di Sassari, per la manifestazione “CheGusto!”: un salone dedicato alla promozione e valorizzazione dei prodotti di eccellenza delle aziende del settore agroalimentare sardo.

CheGusto! è stato anche occasione di promozione del progetto di cooperazione interregionale marittima “Food&Wine Marketplace“, coordinato dalla Confcommercio Nord Sardegna: una rete sinergica per la promozione di produzioni provenienti da Corsica, sud della Francia, Liguria, Toscana e Sardegna.

A Sassari stand per ogni gusto e prodotti di ogni tipo: dalla pasta fresca ai dolci tipici, dal miele alla bottarga, birre artigianali, vini e confetture; formaggi ovini, vaccini e caprini, salumi, pizze e gelati. E non potevano mancare alcuni tra i migliori Prodotti Agroalimentari Tradizionali (PAT) della Sardegna: seadas, pardule, miele, zafferano, torrone, lorighittas, filindeusu, mirto, pabassini, casizolu, greviera, fregola… 

Nel ricco programma non sono mancati i momenti di incontro e confronto dedicati a moderne rivisitazioni delle produzioni isolane più tradizionali e veri e propri spettacoli dell’artigianato culinario che si tramandano di generazione in generazione.

Dalla “pardula” da passeggio di Leonildo Contis: una versione scomposta del tradizionale cestino di pasta violada con ripieno di formaggio fresco e glassatura di miele e scorza di limone: l’impasto prende la forma di un gelato da passeggio con tanto di stecchetto, il cestino diventa un ricciolo di accompagnamento, da immergere su un letto di crema allo zafferano. Uno show cooking di pasticceria in cui l’evoluzione di tecniche e abitudini è stata applicata ad una delle preparazioni più tradizionali della Sardegna.

Le rivisitazioni sono tante, ma la loro proposta si limita solitamente a festival gourmet e show cooking dimostrativi: la versione tradizionale ha quasi sempre la meglio!

La gallery fotografica completa su http://bit.ly/chegustosufilindeu

La gallery fotografica completa su http://bit.ly/chegustosufilindeu

Pardulas, casadinas o formagelle, un prodotto agroalimentare tradizione (PAT) diffuso su tutto il territorio della Sardegna. Ingredienti: ricotta o formaggio pecorino fresco di giornata, zucchero, uova, farina e semola, margarina vegetale o olio o strutto, limone, lievito di birra e sale. La loro fattura si differenzia a seconda del territorio di produzione: preparate con ripieno di casu (formaggio) fresco soprattutto nella provincia di Nuoro, e conosciute con il nome di casadinas; con ripieno di ricotta, dette più comunemente pardule, e diffuse dall’orististanese al Sulcis, formagelle nel Sassarese, dove spesso si usa aggiungere anche uva passa; ricoperte di una glassa di zucchero a velo e aroma di limone, o bagnate in acqua calda e limone e ricoperte di zucchero in grani; in alcune zone si scelgono altri aromi per il ripieno, tra i quali lo zafferano.

Le pardule sono un dolce tradizionale tipicamente realizzato per la Pasqua, il sabato santo, o alla vigilia dei morti, a novembre, per essere donate alle animeddas. Il metodo di produzione delle pardule si perde nel tempo, e sicuramente supera i 25 anni, il lasso di tempo per il quale i prodotti tipici posso essere riconosciuti dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali come “tradizionali” e inseriti nell’elenco dei PAT (Prodotti Agroalimentari Tradizionali), aggiornato annualmente da ogni regione e in Sardegna approdato a ben più di 200 prodotti nel 2019.

Lo spettacolo continua e non può mancare la preparazione artigianale per eccellenza: la pasta! A CheGusto La maestra Paola Abraini ci ha deliziato con un vero e proprio spettacolo: una delle dieci preziose custodi di una delle preparazioni sarde più antiche e difficili da riproporre: su filindeu! (letteralmente “fili di Dio”)

Ingredienti: semola di grano duro, acqua e sale, il necessario per la realizzazione: un piano di lavoro in legno e delle foglie di asfodelo per l’essiccazione. Semola di qualità per un impasto lavorato rigorosamente a mano, idratato di continuo con acqua e sale, fino ad ottenere un’elasticità tale da sfilacciare la pasta creando quei “fili” che le testimonianze orali fanno risalire al secolo scorso, di sicuro esistente dapprima del 1890. A essicazione completata su filindeu spezzettato è pronto per essere immerso in un ottimo brodo di pecora, da condire a piacimento con del formaggio fresco acidificato.

Spazio anche per un’ulteriore evoluzione della stessa pasta tradizionale in versione “dolce”, con i fundeos logudoresi dolci di Gianfranca Dettori.

Qui nell’impasto base trovano spazio anche lo zucchero, il liquore allo zafferano MIDA prodotto dai ragazzi di Prendas de Marganai e lo strutto, tipico de sa pasta violada.

La gallery fotografica completa su http://bit.ly/chegusto_sufilindeu

La gallery fotografica completa su http://bit.ly/chegusto_sufilindeu

La manifestazione è stata una grande opportunità per le aziende e gli operatori dell’agroalimentare per raccontare la propria storia, promuoversi e comunicare i prodotti di eccellenza: etichette, confezioni, tagli, porzioni e cotture sul momento, da proporre nei propri stand e nell’area Forum attraverso un ricco calendario di show cooking guidati da cuochi esperti e maestri pasticceri, sotto la giuda di Tommaso Sussarello e la conduzione attenta di Claudia Tronci (Cucina Claudia).

Laboratori sulla lavorazione di pasta e dolci, un ricco menù degustazione dedicato a prodotti e territori dell’isola con la Federazione Italiana Cuochi. Degustazione di oli di oliva, lavorazione del pane a cura di Pani di Sardegna, cibi “medievali” per il recupero delle tradizioni enogastronomiche proposti dal Priorato delle Antiche Contrade di Torres e area Archeo&Cibus, un percorso sensoriale al buio tra odori e sapori allo scopo di sensibilizzare nei confronti delle disabilità visive; e largo spazio alle scuole e agli studenti che hanno avuto l’opportunità di conoscere e scoprire un mondo dell’agroalimentare in continua evoluzione, anche tecnologica.

Lo spirito è quello che portiamo avanti anche noi di Quality Find, onorati di aver avuto l’opportunità di partecipare a questa bella manifestazione, e convinti che l’investimento sul comunicare e far conoscere la qualità e l’enorme lavoro che sta dietro produzioni e lavorazioni artigianali, eccellenze dell’agroalimentare che si danno un gran da fare, sia fondamentale. Non solo marketing e comunicazione, ma anche etichettatura e distribuzione, cultura e storia di un comparto che è vivo e ha voglia di farsi conoscere: tanta roba per la prima edizione di CheGusto!

L’evento è stato organizzato da Event Sardinia di Checco Cadoni con la collaborazione dell’agenzia La Mirò di Marco Campus, di Cibus Loci e di Composita di Francesco Pintus, e la preziosa collaborazione della Camera di Commercio di Sassari e Promocamera insieme alle associazioni di categoria del nord Sardegna: Confcommercio, CIA, Confartigianato, Confagricoltura, Coldiretti, Confindustria, CNA e Confcooperative. Partner anche La Nuova Sardegna e Db Information.

 

Sei un’azienda agricola che produce DOP, IGP, PAT, BIO, un ristoratore o un Presìdio SlowFood con sede in Sardegna?

Iscriviti per comparire gratuitamente sulla mappa!